Il Sottodiciotto Film Festival & Campus si presenta

Questa mattina si è tenuta la conferenza stampa del Sottodiciotto Film Festival &Campus, all’interno della quale sono state svelate molteplici interessanti notizie sulla programmazione e sugli ospiti del festival.  Dopo i ringraziamenti del Coordinatore Generale di Aiace Torino Enrico Verra,  il Direttore del Festival Steve Della Casa ha introdotto coloro i quali si sono occupati delle diverse sezioni che compongono il Festival, sottolineando un simbolico e doveroso passaggio di testimone alle nuove generazioni.

Sara Girardo ha illustrato i 117 prodotti ricevuti quest’anno, suddivisi nelle tre sezioni in concorso, sottolineando il feel rouge che li accomuna: si parte dal cyberbullismo, fino ad arrivare a temi di integrazione ed inclusione sul focus dell’immigrazione.  Due sono le giornate in particolare che affronteranno queste tematiche: il 2 Marzo dedicata al Cinema contro le Mafie, e quella del 15 Marzo Cos’è il bullismo?. 

Eugenia Gaglianone – esperta di cinema russo – ha esposto una succosa novità: un incontro straordinario tra Bruno Bozzetto e Costantin Bronzit all’interno del quale verrano scelti e commentati tre film a sorpresa, che mostreranno la loro comune visione artistica del mondoInoltre verrà proiettato Vip mio fratello Superuomo in onore del suo cinquantesimo compleanno.

manifesto.jpg

Enrico Bisi – che si è occupato di sviscerare il tema principale di questa 19esima edizione – ovvero la cultura hip hop – ha introdotto i diversi ospiti di quest’anno: da Danno dei Colle der Fomento, a Rancore e tanti altri. Il tema del mondo hip hop verrà sviluppato in tutte le sue declinazioni tramite la mostra fotografica di Martha Cooper, le proiezioni di film cult come 8 Mile di C. Hanson (2002) e La Haine di M. Kassovitz (1995) , e finanche una parte dedicata alla moda che verrà analizzata da Silvia Vacirca – docente dell’inaugurando corso di Forme e linguaggi della moda – all’interno della sezione Wikicampus, curata da Matteo Pollone, anche esso docente all’Università di Torino.

In questi ormai consueti appuntamenti del Festival  verrà dato spazio a tavole rotonde e all’approfondimento dei temi entrando più nel dettaglio e cercando di allargarne l’orizzonte. A questo proposito verrà inaugurata la mostra nella Galleria d’arte Little Nemo dedicata al fumetto di Luca Henok, unico ad aver ideato un personaggio legato al mondo hip hop.

L’ultima – ma non meno importante –  novità è legata al focus sui Manetti Bros a cura di Caterina Taricano. L’idea di omaggiarli deriva dalla constatazione – confermata anche dalle numerose candidature al David di Donatello – che il  cinema di Antonio e Marco può essere considerato come un anello di congiunzione tra il cinema popolare e il cinema che tende alla sperimentazione: infatti i loro lungometraggi si basano sulla contaminazione di diversi generi e stili di estetica. All’interno del Festival verranno proiettati dei loro film, ma anche un’antologia dei primi video-clip realizzati negli anni ’90 selezionati per la forte tematica rap ma anche per le diverse incursioni pop.

Anche quest’anno il Sottodiciotto Film Festival & Campus si conferma come un festival per la città e della città, realizzato grazie ad una molteplicità di collaborazioni nate da stimoli diversi ma con un obiettivo comune: il cinema.

Annunci

Autore: GiorgiaLodato

Studentessa di cinema e appassionata di commedia all'italiana e cinema postmoderno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...