Francesco Giai Via racconta la 34° edizione di Annecy Cinéma Italien

Arriva oggi l’apertura del Festival Annecy Cinéma Italien, con la proiezione del film Amore e Malavita dei Manetti Bros verrà dato il via alla storica manifestazione cinematografica.

Francesco Giai Via, critico cinematografico, membro del comitato artistico del Torino Film Festival e responsabile della programmazione del festival CinemAmbiente di Torino, è il nuovo direttore artistico del Annecy Cinéma Italien. Persona molto disponibile, quale è, ha accettato di rispondere a qualche domanda per illustrare novità e valori di questo storico festival e della sua 34° edizione. Continua a leggere “Francesco Giai Via racconta la 34° edizione di Annecy Cinéma Italien”

Annunci

S’Onda Noa

La Sardegna: isola famosa tra le mete turistiche e amata sin dagli inizi dalla settima arte, nel 1916 Febo Mari girò il suo lavoro Cenere proprio su questa isola. La web serie Quella sporca sacca nera, prodotta qualche anno fa da Mauro Aragoni, racconta l’isola del West italiano molto amato dai registi nostrani e dal pubblico Americano. Ma la Sardegna cinematografica è molto di più che polvere e pistoleri, e gli ultimi anni ne sono testimonianza. La storia, la cultura e le tradizioni hanno rianimato il cinema sardo, che se visto sotto un ottica alla “Nouvelle Vague” potremmo anche definire come un nuovo spirito cinematografico: S’onda noa (La nuova onda).

Continua a leggere “S’Onda Noa”

LOVERS32 – Intervista a Irene Dionisio

Giugno 2017 segna l’esordio alla direzione del Lovers Film Festival – Torino LGBTQI Visions (ex Torino Gay & Lesbian Film Festival) della regista Irene Dionisio. L’abbiamo intervistata nelle ore precedenti l’inaugurazione dell’evento, in programma fino al 20 giugno. Le differenze nel dirigere un film e un festival, un parere sulla selezione e 5 film consigliati.

Continua a leggere “LOVERS32 – Intervista a Irene Dionisio”

“La Guerra dei Cafoni”, due chiacchiere con Daniele Di Gennaro

La_guerra_dei_cafoni_-4162_COLORE

di Matteo Merlano

Un film che parla molto di Storia e di ricordi d’infanzia. Il 1975 ha rappresentato molto per l’Italia: l’evasione di Curzio, gli Anni di Piombo, gli scioperi. Ambientare le storie di questi ragazzi in quell’anno è stato quasi necessario per la narrazione del film.”

Ha esordito così ai nostri taccuini il produttore Daniele di Gennaro che, insieme a Minimum Fax Media e ai registi Davide Barletti e Lorenzo Conte, ha portato lo schermo l’adattamento del romanzo di Carlo D’Amicis La Guerra dei Cafoni, che ci spedisce in un’assolata e torrida estate di metà Anni Settanta, in una Puglia che sembra tratta da uno strano e illuminatissimo Far West, in cui due gruppi di ragazzi mettono in scena quella che era la lotta di classe in un’Italia che si stava spaccando dopo gli anni del Boom. Continua a leggere ““La Guerra dei Cafoni”, due chiacchiere con Daniele Di Gennaro”

SOTTO18 – Dialogando con Ian McEwan

mcewan1

di Elisa Cuter

L’Amleto di Shakespeare da dentro l’utero di Gertrude: così si potrebbe riassumere e spiegare in poche parole l’ultimo romanzo di Ian McEwan. Ma Nutshell (o Nel guscio, come è stato tradotto in italiano), è anche molto altro: un esperimento narrativo ardito, un’occasione per parlare del nostro presente dal punto di vista di un “narratore affidabile” (un feto, estraneo agli intrighi pubblici e privati a cui assiste), il ritorno di un autore tra i più amati e importanti della contemporaneità, che aggiunge un nuovo tassello, breve nella forma ma fondamentale per comprenderne la grandezza, alla sua prolifica opera.

Continua a leggere “SOTTO18 – Dialogando con Ian McEwan”

Quando il “quarto potere” si scontra col primo, intervista a Mimmo Candito

di Elisa Carbone

“A che servono i giornalisti, tanto quello che voglio sapere lo posso trovare su Internet”, “Non si può credere a ciò che scrivono i giornalisti, loro cambiano tutto come gli pare e piace.”

Quante volte sentiamo frasi del genere anche dai più acculturati?

Trovarsi di fronte ad un Giornalista come Mimmo Candito, per una persona che vorrebbe intraprendere questo mestiere e che sente (o legge) almeno una volta a settimana opinioni come quelle in esempio, è una boccata di ossigeno, un ricordare e ricordarsi perché credere in questa professione (se svolta con tutti i crismi necessari). Continua a leggere “Quando il “quarto potere” si scontra col primo, intervista a Mimmo Candito”